Pietro Poluzzi immagine evidenza sito

Pietro Poluzzi: energia e curiosità

Diamo il benvenuto con questa intervista al nuovo Junior Software Developer del team, Pietro Poluzzi. Un ragazzo molto giovane, ma anche molto deciso e intraprendente. Pietro è sempre in movimento, sia con il corpo che con la mente.

Già dalla sua bio su LinkedIn si capisce di che pasta è fatto: “Adoro fare esperimenti con il linguaggio e la struttura che studio. Sono molto interessato alla sicurezza online, poiché la tecnologia è diventata sempre più invasiva nella nostra vita privata. Sono anche un appassionato di sport e amo tutto ciò che riguarda il movimento in generale: percorro 10 km in bicicletta ogni giorno per andare e tornare dall’università e dal lavoro invece di prendere un paio di autobus per attraversare la città. Ho giocato a basket per alcuni anni, poi ho fatto nuoto agonistico insieme al parkour (rigorosamente all’aperto), corsa a livello amatoriale, pallanuoto e ora tricking (arti marziali acrobatiche). Adoro anche lo sci e lo snorkeling!”.

Ciao Pietro, parlaci un po’ di te!

Ciao a voi! Io sono Pietro e, dopo essermi diplomato all’Istituto Carpeggiani, frequento il primo anno della facoltà di Ingegneria Elettronica ed Informatica. Ho avuto un paio di esperienze lavorative prima di DotEnv, perché già l’anno scorso durante la pandemia, ho cercato un lavoro da accompagnare agli studi. Non è semplice, ma mi è servito per capire che strada prendere e per testare la mia costanza.

Come sei arrivato a DotEnv?
Casualmente, così come casualmente mi si sono sempre rivelate delle opportunità, sia lavorative che nella vita privata. Mi piace molto questo aspetto della mia vita, mi incuriosisce molto.

Di cosa ti occupi nello specifico?

Attualmente sono in squadra con Michele (il nostro junior frontend developer, ndr.) e mi occupo delle interfacce grafiche, ma essendo appassionato di tutto quello che riguarda la programmazione, a volte vengo coinvolto nelle lavorazioni backend. In generale mi sento molto versatile, quindi al momento sto cercando la strada giusta nella quale specializzarmi.

Perché hai scelto questo lavoro?

La tecnologia è un campo in continuo mutamento, per cui mi interessa studiare e rimanere sempre aggiornato. Di sicuro questo è il fascino maggiore del mio lavoro. Inoltre, la tecnologia è parte integrante delle nostre vite e, come dico sempre, può fare felici le persone se usata nel modo corretto.

Potresti trovare dei pro e dei contro alla tua professione?

Passando molto tempo al computer, sicuramente bisogna avere cura della propria vista! Ho dovuto, in effetti, comprare degli occhiali che filtrano le luci blu, per riuscire a reggere le tante ore davanti allo schermo. Ma i pro sono innumerevoli, primo fra tutti appunto il continuo mutamento che mi permette di studiare quotidianamente le novità del settore.

Se non avessi preso questa strada, cosa pensi che potresti essere oggi?

La mia passione più grande è la scrittura, per cui immagino che potrei essere uno scrittore, anche di poesie, o un giornalista. Mi piace esprimere quello che penso e le mie emozioni tramite la parola scritta.

Dillo che anche tu hai un luogo comune sui nerd da sfatare!

In effetti tutti pensano che i nerd siano persone senza interessi e senza relazioni. Non è assolutamente ero, io sono sportivo, sempre in movimento… e ho anche una fidanzata!

Come ti vedi fra dieci anni?

È una domanda che mi capita spesso di pormi, ma al contrario. O meglio, mi chiedo dove fossi x anni fa per poter fare il paragone. Se ci penso, dieci anni fa ero alle medie, ma anche solo pensando a cinque anni fa, mi riconosco nel mutamento continuo, anche per diversi lavori che ho svolto. Quindi immagino che fra dieci anni la mia vita sarà sempre dettata al cambiamento, ma mi auguro di essere ancora a DotEnv, perché da questa esperienza sto imparando tanto, in particolare una cultura aziendale che mi servirà per crescere professionalmente e umanamente.

Qual è il tuo motto?

Never give up! È importante per me, perché quando sei su un problema da molto tempo e stai per arrenderti, esausto, cedendo alla distrazione, è proprio in quel momento che devi continuare a lottare per ottenere ciò che vuoi.